Tag

, ,

Non più le bianche spiagge parlano,
lanciando reti antiche e logore,
all’uomo che s’attarda a guardarle,
immenso e solo, quando al tramonto,
suona già l’eco d’onde marine.

Respira il suono e lascia note che
sovente in sé muoiono e varcano
gli scogli posti in fronte alla mente,
pur prive, qual sono, e incostanti,
cavalcando su mari, spazi immoti.

Annunci