Tag

In girum imus nocte et consumimur igni

Spioveva. L’ultime lacrime calde,
resti d’un cielo plumbeo
costipato di nubi
rigavano le ciglia
prefiche di giornata,
slegate ormai da capestri annacquati.

Annunci