Tag

, , ,

Servi d’un patriarca in Caraceni
non vivono d’onore lorsignori
d’italiche memorie vivon pieni
su spalle altrui, da Roma a Mirafiori.

Anche l’insulto del capo dei treni
non aprì gli occhi al volgo e pensatori,
comprati con viaggi, case e premi,
coronano i fascisti con allori.

Questi son giorni d’ira e disperanza
melme e paludi di sensi nascosti
lacrime e fiele lo scotto dell’uomo.

Lo spirito del giusto è quasi domo
a questo ci han portato, a nostri costi,
i mostri che consuman l’abbondanza.

Annunci