Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Ho perso tanto in questa mezza vita,
ma lentamente mi scopro a rinascere.
Divampo d’un incendio senza fine,
e porto fiamme ardenti dentro l’anima.
Senza, però, subirne patimenti,
senza dolore, lacrime o lamenti.
Vivono in me, donandomi tepore,
brillano forti, calde come l’oro.
Quando la mente è persa, senza meta,
trovo conforto in esse, penso a loro,
mi rassereno e l’alma torna quieta.

La prima nacque in tempi di letizia
– ero un ragazzo, pochi allora gli anni,
non più un infante e un uomo da scoprire –
ha nome d’Emozione, e non ha pari.
Fu Fiammetta nei miei componimenti
scritti col cuore, ma senza talenti.
Mi conquistò il suo tenero candore,
la sua dolcezza, il flebile dolore
della sua assenza, lieve come un petalo.
Ricordo, quando ancora m’addoloro,
mi rassereno e l’alma torna quieta.

E pur se quella fiamma mai fu elisa,
s’accese in me quel fuoco divampante
che ha nome Amore e visse su quell’isola
che guarda a Scilla da lidi germani.
Oh, quanta gioia avevo in quei frangenti
soltanto nostri, ignari delle genti
che attorno noi correvano per ore.
Fu l’anima gemella, l’alba, il Sole.
L’affetto che ho per essa mi completa.
Con la sua voce, con le sue parole
mi rassereno e l’alma torna quieta.

Pur se la ruota gira e gira e gira,
restano accese le fiamme passate.
Loro sorella, la terza, Stellina,
è nuova vita e viene da lontano.
Mi scosse e devastò gli impedimenti
che avevo costruito nella mente.
Ogni suo gesto ridava calore
allo spirito vinto dal torpore,
ogni suo sguardo apriva un’altra crepa.
Mi dono a lei, senz’altro che passione,
mi rassereno e l’alma torna quieta.

Io amo questa fiamma, una e trina.
Nessuna fu per me, né mai l’è stata.
Né doveva. Il fuoco che m’ispira
mi avvolge come un caloroso manto.
Non ho mai confessato i sentimenti,
non dissi, non potei fare altrimenti.
Sentivo piano, solo nel mio cuore,
senza spettacolo, senza clamore.
Pensarle è una carezza, come seta
sulla pelle. Pensarle mi consola,
mi rassereno e l’alma torna quieta.

M’ardono in petto quei volti splendenti,
colmi di vita, e labbra sorridenti,
così piene di grazia e di colore,
voci come rugiada, fresco albore.
Ne sento ancora l’eco questa sera,
reclino il capo, cedo alla memoria,
mi rassereno e l’alma torna quieta.

Annunci