Patatine e un Happy Meal

Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Non so cosa porterà il domani,
quell’inesorabile scrigno d’attese.
Ci saranno ancora piccoli gesti,
parole a stento sussurrate,
o lo sfiorarsi quasi per caso?
O solo un ricordo che sbiadisce?
Mi mancheranno ancora gli sguardi,
messaggi senza testo e suono?
Continuerò a cercare fuori,
nei volti e nelle movenze,
il mio cuore ammezzato?
E tu?
Tu riderai ancora?

Annunci

elabi pote

Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Certe vite avvengono soltanto,
fili spezzati della ragnatela
– tessiamo relazioni come ragni.
Toccano la realtà con leggerezza,
lassi impalpabili di tempo,
lasciando tracce dal destino breve.
Senti la vibrazione?
È il mio pensarti che ti sfiora
solo per morire in un istante,
impulso dell’inconscio.
Certe vite avvengono soltanto,
la mia per te, per me la tua.
Un oblio non maturato.
Non ancora.

Inutili speranze

Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Vola con ali di piombo,
l’alma preda d’amorosi sogni.
E mentre tenta d’innalzarsi,
povero simulacro di piuma,
scendono lacrime amare.
Lavano col sale le ferite,
le spalle che si strappano agitate,
il viso percosso da pietre,
le mani segnate dall’unghia.
Non è dato a un’anima nera
raggiungere la luce.
Inane fu lo sforzo.

Essere, esserci

Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Come sai se esisti davvero,
o per qualcuno?
Per pochi istanti d’universo
due vite si intrecciano,
– non è scontato –
si sfiorano soltanto.
Hanno l’alito del creatore,
non eri|sei|non sarai.
Il presente è,
eternità per chi si ama
inferno per chi ama soltanto.
Essere non è esserci.

Sogno, o banchetto pei corvi

Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

La mente indifesa e priva di scudi
è il campo di battaglia dei sogni.
Nessun controllo, nessuna resa.
E vivi mille vite in una notte.
Puoi essere un dio oppure una vittima.
A volte amore impone
ciò che ragione non osa pensare.
Preda di tenerezza cui non puoi sfuggire
muori
mille morti in una notte.

Uroboro

Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Bloccato tra due specchi,
declino tra riflessioni amare
e il tempo sfugge di mano.
Ho amato in silenzio, fortemente.
Uomo sciocco,
per te, non l’è mai stata.
Getta il cuore e tra le fiamme
scordala.
Com’eri all’inizio sei alla fine.
È tempo di appassire.

Come lacrime nella notte

Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Mi porto dentro un pensiero ostinato,
uno di quelli che non mi dà pace,
che soffoca e che lascia senza fiato,
che urla, mentre tutto il resto tace.

È come un vento caldo e delicato,
ricorda una carezza, oppure un bacio,
ma taglia come un rovo avvelenato,
scava la carne e ustiona come brace.

È quando, al vespro, la sera si stanca,
s’appressa il ricordare doloroso.
Un viso, sguardo scuro, pelle bianca.

È notte ormai. C’è un cielo tenebroso
e vuoto. Tutte le stelle mancano,
anche quella che cerco speranzoso.

La penso, ma non oso
farlo più forte. Trattengo lo spirito,
consumato da lacrime e sospiri.

zero

Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Per metà miracolo e mezza maledizione,
eccola, giunta all’alba d’un crepuscolo.
Si muove sul mio sentiero pieno di vuoti.
Subisco l’ossessione urlando in silenzio.
Insorgenza divina, un tocco di demone.
L’anima si spacca: mezzo l’amo e a metà l’odio.
Come un uomo a somma zero.

6

Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Sei per me l’iridescenza del fumo,
tripudio di colori, delicato.
Sei l’eterea carezza,
che esiste e che vive
dove non dovrebbe.

Illuminazioni

Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Col tempo comprendi:
manca completezza.
Inizi infiniti itinerari,
in cerca d’appartenenza.
Anni di viaggio,
una verità:
casa è chi ti manca di più.